22 mag 2017

Gore Vidal, la noia fatta scrittore

Finalmente "veggio terra" (cit.): sto finendo (-40 pagine) il romanzo Duluth di Gore Vidal. E questo sarebbe uno dei più grandi scrittori americani del '900 ? Sembra come le cose più pallose del sopravvalutato (Pastorale esclusa ) Philip Roth, ma con qualcosa in meno. Voleva essere una satira della società americana, specie del reaganismo, ma è solo una fiera dello sbadiglio e di battute scontate. Brutta esperienza letteraria. Fortunatamente c'è una Joan Didion (Prendila così) che mi aspetta.

Io, senza amore

Non avere una donna
e' la più grande
umiliazione
che si possa avere
più di una farfalla che combatte

21 mag 2017

Il doppio gioco di Lucio Battisti vol. 2: disco per disco

Disco per disco la leggendaria storia musicale di un compositore vero: Lucio Battisti (1943-97), che riformò il pentagramma sentimentale quando quasi tutti i big musicali facevano "politica"; e cantore ermetico- sperimentale, invece, mentre gran parte dei colleghi copiava le cose fatte da lui quindici anni prima.

Vaccino ?

Mi sembra giusto che ciascun genitore debba decidere liberamente se vaccinare o meno il proprio figlio. O siamo tornati al nazismo ? O il diritto di dissentire è concesso solo a immigrati, preferibilmente mussulmani ?

20 mag 2017

Considerazione n. 2969 o giù di lì...

Devo ancora capire
perché (spesso)
le strafiche straniere
ricambiano il sorriso
mentre
normalissime ragazze italiane,no

18 mag 2017

Una volta, parlando con una signora ebrea...

Una volta, parlando con una signora ebrea, le dissi , circa queste parole: "Ma gira voce che se un ebreo abbandona la sua religione gli altri lo emarginano..mah, magari sono luoghi comuni". "No, è così"- mi disse secca, ma dolcemente (una bella signora mora, quando ancora Jason Biggs non aveva, credo, creato l'acronimo milf).

Apostoli

La notte va in frantumi
e gli apostoli sono già fuggiti
ricorderanno le parole certo
correndo per strade secondarie
ubriachi di senso di colpa

17 mag 2017

Mentre Roma sta craccando (vol.2): Giorgiana Masi

Flashback....
profilo che sembra uscito
da una poesia di Rimbaud
volto imbronciato
come in un presentimento:

Mentre Roma sta craccando (vol. 1)

Eppure
era una grande città un tempo
...sfacelo, sfacelo, sfacelo
oh, come vorrei
che lo stesso odio
e la stessa attenzione

16 mag 2017

Il doppio gioco di Lucio Battisti

Difficile dire cosa avrebbe composto oggi Lucio Battisti, probabilmente qualcosa di interessante e forse-lui che aveva parecchio sperimentato- anche originale.
Sta di fatto che dei venti album in studio- tra il 1969 e il 1994- del mitico c'è una dicotomia spaventosamente bella.

15 mag 2017

Umiliazione

"Ero combattuto se scrivere o meno questa poesia"
Non è, almeno per me, un bel modo di cominciare una poesia.
Ma era l'unico per questa.
Perchè finora-
lo ammetto quasi con fierezza-

14 mag 2017

Nannarella

Davvero gustosa, questa biografia (Nannarella, di Giancarlo Governi) della Magnani: la bambina cresciuta dalla nonna, trascurata dalla madre, che non conobbe mai il il padre; la giovane attrice che inizialmente voleva fare la pianista; la superba commediante di rivista, negli anni della guerra; la grande "diva" (un Oscar, per dire), musa del neorealismo, e non solo; la donna sfortunata in amore (tradita, lasciata, incompresa...); la madre amorevole (la grave malattia alle gambe dell'unico figlio, Luca); gli sbalzi d'umore leggendari; la bellezza da anti-star; la sua tecnica di recitazione che già anticipava i metodi actors studio; così, istintivamente.